Incentivi per le nuove stufe, cambiamenti nell' aria?

Per salvaguardare l’ambiente la provincia di Padova ha stanziato 100.000€ a favore dei suoi cittadini che decideranno di cambiare i vecchi sistemi obsoleti di riscaldamento, sia per quanto riguarda le caldaie che per quanto riguarda le vecchie stufe a legna e a pellet. Il contributo previsto è di 1000€ per ogni singola sostituzione.

I sistemi di riscaldamento ormai obsoleti non sono solo un problema a Padova, ma soprattutto nelle grandi città dove spesso si punta il dito verso le vetture a benzina e diesel come maggiori fattori inquinanti, ma secondo alcuni accertamenti a Milano la maggior parte dell’inquinamento deriva proprio dalle stufe (ormai datate) a biomassa.

Glia aiuti arrivano con tutte quelle stufe e caldaie che hanno 4 stelle della certificazione aria pulita. Questa è la prima certificazione di qualità in Italia che permette di valutare stufe e caminetti in base alle loro prestazioni ambientali, ossia secondo il rendimento energetico che offrono e le emissioni che producono. Questa è una certificazione volontaria dove i produttori come MCZ e Palazzetti aderiscono volontariamente.

pellet_consumi

Se l’idea della provincia veneta dovesse prendere piede si potrebbe ridurre decisamente il livello di PM10 nell’aria, vivendo così in un ambiente decisamente più sano, e allo stesso tempo aiutando il PIL italiano a crescere. Per non parlare del fatto che il tutto sarebbe più semplice per i cittadini e per le piccole e medie imprese. Infatti non ci sarebbe bisogno di andare nell’agenzia delle entrate, inoltre bisogna tenere conto del fatto che lo sconto fiscale in fattura danneggia le imprese, perché non tutte possono permettersi di fare sconti così alti, infatti la maggior parte di loro chiuderebbe dopo un anno e mezzo se aderisse a questa iniziativa.

tecnologia_mcz_stufa_a_pellet

Anche se non si ricevono gli aiuti da parte dello stato, cambiare i sistemi di riscaldamento obsoleti è utile in ogni caso, in quanto con le nuove tecnologie vengono migliorati decisamente i consumi, risparmiando sul carburante. Si dovrebbe tenere conto anche del fatto che le nuove stufe a pellet sono programmabili via WI-FI risultando estremamente utili per quelle persone che viaggiano molto e che vogliono entrare in una casa calda e accogliente.

Come disse Gorbačëv: “Quando le generazioni future giudicheranno coloro che sono venuti prima di loro sulle questioni ambientali, potranno arrivare alla conclusione che questi non sapevano: accertiamoci di non passare alla storia come la generazione che sapeva, ma non si è preoccupata.”

 

Potete sempre scriverci una email a: info@caminoteca.it o telefonarci al: 0694801177.

 

Etichette: stufa a legna, stufa a pellet

 

Scrivere un commento

I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori