Il corretto funzionamento della canna fumaria

Il corretto funzionamento della canna fumaria

 A chi non piacerebbe avere un camino o una stufa in casa? Sia che si abiti in una casa indipendente sia che si viva in un appartamento in condominio. Il mercato offre una vastissima gamma di prodotti ormai e tutti notevoli e per tutte le tasche ma la cosa più importante resta poi la realizzazione di una canna fumaria per chi non ne ha già una da poter sfruttare. Circa questo punto è sempre giusto specie per chi vive in condomini rifarsi ai regolamenti e alle disposizioni di legge vigenti e acquistare una volta studiata la fattibilità, una canna fumaria giusta per la propria situazione abitativa.

I fumi che vengono prodotti dalla combustione hanno la necessità di venire espulsi esternamente e la canna fumaria serve proprio a permettere tutto questo. Inutile aver acquistato una stufa di altissimo livello per poi sbagliare l’acquisto della canna fumaria.

 

Per avere quindi un buon tiraggio bisognerà per forza di cose avere un camino o una stufa della potenza giusta e capace di dare calore all’ambiente circostante quindi studiare per bene l’altezza e il diametro giusto per la nostra canna fumaria.

Tutto questo viene chiamato anche dimensionamento della canna fumaria ed è importante per non avere poi problemi. Tante sono le persone che ci contattano per cambiare in toto una canna fumaria o comunque costretti a dover spendere tempo e soldi per ovviare a problemi legati al cattivo tiraggio o pessima combustione relative al proprio impianto.

Per permettere un tiraggio al top, la canna fumaria dovrà essere quanto più verticale possibile utilizzando al minimo le curve ed è sempre cosa giusta ove possibile evitare curve di oltre 45°.

 

Materiali per la realizzazione delle canne fumarie

 

Circa i materiali, le canne fumarie possono essere prodotte in: muratura, materiale refrattario, fibrocemento o acciaio inox. Quest’ultima soluzione è decisamente la migliore e la piú conveniente e su Caminoteca.it troverete proprio questo tipo di canna fumaria nella versione: monoparete, coibentata ma anche flessibile e coassiale.

La canna fumaria in acciaio ha molti pregi come la resistenza al calore e agli acidi e la parte interna liscia aiuta a far uscire i fumi al meglio.

Per chi poi vuole avere una canna fumaria coibentata di un determinato colore per farla intonare magari alla facciata della casa deve semplicemente contattarci. Tanti colori vi aspettano.

Anche il rame viene utilizzato per le canne fumarie e rappresenta una valida alternativa per chi non vuole la canna fumaria in acciaio inox o per chi ad esempio sta compiendo lavori in un centro storico.

 

Il tiraggio della canna fumaria

Il buon tiraggio della canna fumaria è fondamentale per non avere problemi relativi ai reflussi di scarico dei fumi. Un buon tiraggio dipenderà dalla lunghezza della canna fumaria (più è lunga migliore sarà il tiraggio), dalla temperatura dei fumi e da una buona progettazione dell’impianto.

Come dicevamo prima se la canna fumaria presenta troppe curve ciò influirà sul tiraggio della stessa. Altro discorso importante è relativo alla pulizia della canna fumaria. Almeno una volta all’anno andrebbe pulita e in molti casi a volte è necessario farla video ispezionare per rilevare o meno la presenza di corpi estranei all’interno della canna fumaria come ad esempio un nido di uccelli.

Anche la sezione (cioè il diametro interno) della canna fumaria è importante ed è sempre cosa giusta avere lo stesso diametro per tutta la lunghezza della canna fumaria senza restringimenti o al massimo sono considerate fattibili delle maggiorazioni. Per esempio, pensiamo ad una stufa con diametro di uscita da 130mm e vogliamo poi andare ad installare una canna fumaria inox da 150mm. Tale soluzione andrá benissimo. Non sarebbe corretto per il tiraggio avere il foro da 130mm e poi installare una canna fumaria da 100mm.

Ogni apparecchio deve avere una propria canna fumaria. Sono ammessi magari per una canna fumaria più apparecchi ma il combustibile deve essere lo stesso per tutti.

Il comignolo deve essere installato ad un’altezza di almeno un metro sopra il colmo del tetto. La scelta del comignolo è anche importante e noi ne abbiamo di vari tipi, basta contattarci.

Se più comignoli sporgono sul tetto è importante mantenere la distanza di circa due metri tra i comignoli ivi installati.

Per qualsiasi ulteriore informazione o dubbio non esitate a contattarci scrivendoci una email a: info@caminoteca.it o telefonandoci al numero: 06 94 80 11 77.

Arrivederci e a presto dallo Staff di Caminoteca.it!!!

 

Scrivere un commento

I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori